Archivi categoria: generale

EGO, aggregatore sul nuovo Mercato dei Servizi di Dispacciamento, permette alle aziende di guadagnare partecipando al mercato dell’energia


EGO, aggregatore sul nuovo Mercato dei Servizi di Dispacciamento, permette alle aziende di guadagnare partecipando al mercato dell’energia. Il nuovo Mercato dei Servizi di Dispacciamento, gestito da Terna, è stato creato per mantenere in equilibrio la rete elettrica, sono state quindi definite diverse reti chiamate Unità Virtuali di Aggregazione Miste. Alle UVAM di EGO partecipano già due aziende: AB Servizi S.p.A., che gestisce impianti di trattamento rifiuti,  e CO-VER Power Technology, proprietaria del cogeneratore fornisce energia elettrica, vapore e acqua refrigerata a Memc Electronic Materials S.p.A., produttore di silicio per la microelettronica. Ambedue le realtà  possono essere considerate pioniere del nuovo mercato dell’energia: una pronta a staccare i carichi quando Terna ne fa richiesta, l’altra pronta a produrre energia anche quando non è richiesto dal ciclo produttivo.

AB servizi Spa, azienda della Provincia di Cuneo, utilizza energia elettrica per il trattamento meccanico-biologico (TMB) degli scarti urbani, la forma principale di pretrattamento dei rifiuti. Diverso il caso di CO-VER Power Technology, proprietaria del  cogeneratore che alimenta il ciclo produttivo di un’azienda industriale. In questo caso, anziché fermare il cogeneratore quando non serve, lo si lascia acceso per produrre energia elettrica da immettere in rete, diventando fonte di guadagno.

E’ di fatto la nuova frontiera del mondo dell’energia,  in un modello di fonti energetiche distribuite in cui chi è in grado di  produrre in eccesso rispetto alle sue necessità e chi è in grado di staccarsi per alcuni periodi dalla rete elettrica, viene remunerato. La rete elettrica, come molti sanno, deve essere sempre in equilibrio: la quantità di prodotta e immessa in rete deve essere, in ogni momento, uguale alla quantità di energia consumata. Questo comporta che, nei momenti di picco dei consumi, ci sia una grande richiesta di energia che TERNA è disponibile a pagare a caro prezzo. E per mettere in equilibrio la rete possono contribuire sia aziende che prelevano energia, quindi consumatori che staccano i  carichi per un certo lasso di tempo,  che impianti di autoproduzione industriale, che immettono energia. Ambedue contribuiscono all’equilibrio della rete elettrica, ottenendo in cambio un’ extra-remunerazione molto interessante, in virtù dei corrispettivi fissi e variabili definiti da TERNA.

Per farlo è necessario che le aziende prendano parte ad una “UVAM“, Unità Virtuale di Aggregazione Mista, aperta sia a unità di produzione che a unità di consumo, che ha il compito di “dialogare con TERNA, rendendo disponibile l’energia proveniente dagli impianti ad essa collegati nei momenti di picco. Nessun onere per l’azienda, presso la quale viene inserito uno strumento elettronico, gestite da EGO , che si occupa di modulare l’energia a salire o a scendere in base alle richieste di TERNA.

“Il settore dell’energia offre oggi nuove opportunità di guadagno alle aziende, che senza alcun impatto sul processo produttivo possono migliorare il loro conto economico”, afferma Fiorenzo Rainone, Technical Sales Manager di EGO, “abbiamo citato due aziende, come testimonianza concreta di questa opportunità, altre realtà dei più svariati settori industriali si aggiungeranno a breve”.

EGO aggrega oggi oltre 100 MW con UVAM in diverse regioni italiane, nelle quali rientrano impianti di cogenerazione, impianti idroelettrici e unità di consumo. Da dicembre ad oggi ha partecipato a tutte le aste indette da TERNA classificandosi sempre fra le prime tre aziende per quantità di energia assegnata.

 

Annunci

Segnali in direzione di un mercato fotovoltaico più maturo: il prezzo del singolo componente non è l’unico elemento da valutare, ma bisogna considerare la soluzione completa.


Cinque anni di assicurazione sull’impianto fotovoltaico per chi acquista i moduli Vision vetro-vetro: questa è la formula scelta da SOLARWATT per dimostrare l’affidabilità e la qualità dei suoi moduli. Non si tratta di una formula promozionale ma della constatazione di un dato di fatto: la producibilità elettrica nei primi cinque anni di vita dei moduli rimane pressoché inalterata, ed esiste una polizza assicurativa a tutela di ciò. In particolare le lastre di vetro selezionate dall’azienda hanno un elevato rendimento grazie a:

  • solo 2 mm di spessore, quindi miglior dissipazione del calore, e maggior translucenza, quindi maggior penetrazione dei raggi solari. Gli studi del Fraunhofer Institute dimostrano che, in particolare per i raggi ultravioletti, lastre più sottili facilitano il passaggio della luce solare.·
  • basso contenuto di ossido di ferro. E’ dimostrato che gli ossidi di ferro ostacolano la penetrazione dei raggi, in particolare per lunghezze d’onda intorno ai mille nanometri (infrarosso).·
  • rivestimento anti-riflesso, con una resa migliore del 3,5% I moduli Vision sono sottoposti a test a 85 gradi con 85% di umidità per 5.000 ore (un tempo cinque volte superiore a quanto richiesto dalla normativa), ai test sui cambi di temperatura per 600 ore (tre volte più dello standard), e subiscono test con chicchi di grandine di 45 millimetri di diametro, anziché 25 previsti dallo standard IEC.

Per questi motivi i moduli Vision hanno trent’anni di garanzia, e cinque anni di assicurazione sui primi cinque anni di vita dell’impianto, con grandi vantaggi per l’utente finale con un prodotto diverso dallo standard può ottenere fino al 35% in più di produzione energetica.

Anche alla batteria MyReserve sono abbinati cinque anni di assicurazione gratuita. L’offerta SOLARWATT è completata da Energy Manager, il sistema per la gestione intelligente che permette un circolo virtuoso dell’energia, prodotta accumulata e consumata.

FOTOVOLTAICO e ACCUMULO arricchiranno gli argomenti attorno a cui ruoterà KEYENERGY 2017


  • il timido segno + sul mercato del 2016,
  • il nuovo DTR che ha aperto la strada al revamping degli impianti,
  • il “gotha” del settore fra i relatori e, non ultimo,
  • la mancanza di una manifestazione legata al fotovoltaico:

questi gli ingredienti che hanno riempito la sala Sistina dell’hotel Michelangelo a Milano per annunciare che fotovoltaico e accumulo saranno fra i protagonisti di Key Energy 2017

Una sala così gremita (oltre 120 persone) per ascoltare e confrontarsi su cosa sta accadendo nel settore non si vedeva da un po’ di anni, segno che entusiasmo e fiducia non mancano.

Ma ecco i principali spunti emersi:

  • la spinta attuale verso il fotovoltaico nasce soprattutto da tematiche ambientale, in
  • la domanda di sistemi di accumulo è in crescita, anche se non sempre si può giustificare economicamente
  • lo storage, trainato anche dal tema dell’auto elettrica, apre nuove prospettive al settore.
  • le rinnovabili “fanno bene al territorio”, perché, fra l’altro, sviluppano un indotto di attività locali

Su tutto aleggiava lo spettro delle nuove tariffe elettriche, che aumentando la quota fissa delle bollette, rendono ancora più critico il ritorno dell’investimento,……anche se forse, per reazione, aumenterà la spinta verso l’autonomia energetica.

Le associazioni intervenute: ANIE RINNOVABILI, ASSORINNOVABILI (in procinto di confluire in ASSOELETTRICA), ITALIA SOLARE (nella quale convergono sia fornitori di tecnologia che produttori di energia solare, piccoli e grandi), oltre alla Commissione Tecnica Gruppo Accumuli di ANIE ENERGIA.

Gli Sponsor: ENEL, FZ SONICK, SONNEN, SMA Italia, VPSOLAR, SENEC Italia

Se son rose fioriranno….a Rimini?

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare!


Ho riletto questo mio post di dicembre 2014,…a quanto pare le situazione non è cambiata!Gli incentivi, nel caso dell’efficienza energetica i certificati bianchi, sviluppano il mercato,..ma lo drogano al tempo stesso e, a distanza di due anni le ESCo hanno una crisi d’identità e non sanno bene in che direzione andare.Un’analisi di marketing può essere d’aiuto, a seguito della quale pianificare alcune, semplici, attività di marketing da cui ripartire!

http://www.updating.it/it/la-nostra-offerta/contenuti

La filiera dell’efficienza energetica vista dall’Energy&Strategy Group

Si è svolto l’11 dicembre 2014 l’appuntamento annuale dell’Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano, che ha analizzato alcuni aspetti fondamentali per l’andamento del settore fra cui la filiera degli interventi di efficienza energetica.

L’analisi svolta, estremamente puntuale e analitica, ha affrontato le modalità con cui le diverse tecnologie legate all’efficienza energetica transitano dal produttore all’utente finale, il ruolo degli eventuali intermediari, le motivazioni che influiscono sulla scelta dei fornitori: in sintesi estrema la filiera commerciale.

Le tecnologie prese in esame sono state : sistemi di aria compressa, inverter e motori elettrici, sistemi legati alla climatizzazione degli ambienti (HVAC), sistemi di illuminazione, gruppi di continuità , sistemi di cogenerazione, tecnologie per l’isolamento degli edifici. Complessivamente si parla di un volume d’affari annuale  di circa 5.200 milioni di Euro, il 58,9% dei quali legati alla chiusura delle vetrate!.

Scorrendo le analisi dell’Energy&Strategy Group vediamo che :

  • nel mercato legato ai sistemi di aria compressa i progettisti /ESCo intercettano il 33% (pari a 3,2 milioni di Euro) del volume d’affari annuo dei sistemi di grande taglia (potenza elettrica maggiore uguale a 300 kW), il 77% transita direttamente dal fornitore della soluzione al cliente finale!
  • nel mercato dell’automazione industriale (motori elettrici e inverter) i progettisti /ESCo intercettano meno del 10% del volume d’affari annuo . Il 68% di questo mercato (255 milioni di Euro) è in mano a grossisti.
  • nel settore HVAC (Heating, Ventilating and Air Conditioning) i progettisti d’impianto /ESCo intercettano il 79% del volume d’affari del settore industriale
  • nel settore dell’illuminazione i progettisti /ESCo intercettano il 47% del volume d’affari del terziario/industriale (45 milioni di Euro).
  • per quanto riguarda i gruppi di continuità i progettisti /ESCo intercettano l’84% del volume d’affari per un totale di 99 milioni di Euro.
  • i progettisti / ESCo sono l’interfaccia naturale fra cliente e fornitore negli impianti di cogenerazione
  • i progettisti / ESCo sono totalmente assenti dagli interventi legati all’involucro edilizio (chiusura vetrate e superfici opache).

Numerose le conclusioni che se ne possono trarre, fra cui:

  • il canale progettisti /Esco ha di fatto un ruolo rilevante nei mercati che sono stati pesantemente spinti dagli incentivi (cogenerazione, illuminazione…)
  • nei casi in cui gli incentivi siano stati esclusivamente di natura fiscale non hanno in alcun modo modificato i canali di vendita (interventi sull’involucro edilizio)

Sorgono però spontanee anche alcune domande, in particolare notando la bassissima presenza di “aziende a valore aggiunto” nel settore dell’automazione industriale:

Il decreto legge 102 di luglio 2014, che recepisce la direttiva europea 2012/27, come modificherà questa situazione?  Le certificazioni 50001 obbligatorie per le grandi imprese e il fatto che i risparmi previsti nei contratti di rendimento energetico (EPC) debbano essere convalidati da misure avrà come conseguenza lo sviluppo di un canale di intermediazione specialistico?     saranno le ESCo di oggi parte fondamentale di questo canale?

La risposta, naturalmente, la darà il mercato grazie alle evoluzioni di domanda e offerta nei prossimi mesi.

CONFERENZA FIRE 2016….. marketing is king!


Questo titolo può sembrare provocatorio, ma non lo è. Infatti sentir parlare di necessità di cambiare prospettiva passando dall’ottica di chi la tecnologia la deve fornire all’ottica di chi la tecnologia la deve applicare suona per me come ragionare per mercati, mettendo al centro le esigenze del cliente, una delle più importanti regole per un marketing efficace.

Tornando alla conferenza, che ho molto apprezzato, elenco di seguito quelli che sono stati, secondo me, i principali concetti emersi:

  • oggi non si è leader senza essere sostenibili, con alcune interessanti citazioni:

Google :” …l’energia consumata da un utente attivo che usufruisce dei servizi Google per un mese, è inferiore a quella necessaria per percorrere un miglio in auto”

Apple: “the retail packaging for IPhone 6s is 20% lighter and consumes 34% less volume than the first generation IPhone Packages”

U.S  Lego:  “Our goal is to use sustainable materials in all core LEGO products delivering the same play experience to children all over the world without them ever noticing a difference”

  • è difficile coinvolgere il management sul tema dell’efficienza energetica,

Da notare a questo proposito che, in base a dati del IEA (International Energy Agency)  2014 (presentati da Andrea Trianni del Politecnico di Milano), il beneficio derivato dall’efficienza energetica è imputabile per il 60% a fattori energetici, e per il 45% a fattori non energetici (benessere, impatto ambientale, miglioramento dell’immagine pubblica, costi di manutenzione e gestione impianti,). E’ ragionevole pensare che una maggiore attenzione a fattori non energetici possa aiutare nel coinvolgimento del management.

slide-convegno-fire

Una considerazione conclusiva: se da un lato l’Italia, dicono varie fonti, è all’avanguardia sul tema dell’efficienza energetica, dall’altro, forse, ha ancora una visione un po’ troppo conservativa : tutti gli esempi citati di aziende con una visione strategica della variabile energia appartengono a gruppi internazionali!

Efficienza Energetica 4.0: Incentivi e Smart Energy


CONVEGNO ASSOESCo: Rimini 8 novembre 2016 ore 11.30 Sala Mimosa 2 Pad B6

L’Italia è un’eccellenza nel mercato dell’efficienza energetica europea e mondiale, e la filiera a cui è stata data vita ha maturato negli ultimi dieci anni una expertise che oggi non solo crea lavoro, ma garantisce la continua ricerca nello sviluppo di nuove soluzioni per l’efficienza da applicare in Italia e da esportare all’estero.

Il sistema di incentivazione, primo fra tutti i TEE, ha contribuito in modo significativo allo sviluppo del settore. Da un recente studio dell’Energy&Strategy Group risulta che Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica abbia generato un beneficio netto per il sistema-Paese pari ad oltre 2,3 mld € dalla sua entrata in vigore.

In attesa che escano le nuove linee guida sui Certificati Bianchi, che forniscano nuovamente la certezza regolatoria indispensabile per proseguire senza traumi il percorso iniziato, ASSOESCo ritiene fondamentale un punto di confronto e di aggiornamento

  • sulla situazione della reale accessibilità ai TEE e al Contro Termico e degli incentivi,
  • sull’utilizzo della finanza agevolata,
  • sui sistemi Smart che, nell’ambito di Industria 4.0, indirizzeranno le priorità di investimento in efficienza delle imprese.

Parte integrante e fondamentale del convegno sarà dedicata alla Finanziabilità dei progetti ESCo fra pubblico e privato, con interventi dei rappresentanti dei fondi di investimento SUSI Partners e Adaxia Capital, che nel presentare le loro soluzioni finanziarie dimostreranno come gli interventi di efficienza energetica possano garantire un ritorno dell’investimento di sicuro interesse.

Le ESCo sono il canale privilegiato per interventi di illuminazione nel settore industriale/terziario


Lungi da me fare una sintesi di un tema complesso e trattato con dovizia di particolari nel rapporto dell’Energy&Strategy Group del 21 settembre, condivido con piacere gli spunti più originali e interessanti emersi, premettendo le dovute definizioni :

illuminazione efficiente = minor consumo a parità di prestazioni

illuminazione “smart” = maggior efficacia del sistema di illuminazione,

L’illuminazione intelligente, quindi produce effetti sulla “customer experience” (luce gradevole nel punto vendita), sulla qualità dell’ambiente di lavoro, e sulla sicurezza (ad esempio strade che si illuminano al passaggio dei pedoni).

Già di questo si intuisce che efficienza e intelligenza, da un lato contribuiscono insieme all’ “efficienza energetica”, dall’altro richiedono competenze e investimenti molto diversi: una è facile, l’altra è difficile.

La smartness, infatti, coinvolge informatica e telecomunicazioni, quindi le infrastrutture: inevitabilmente  gli zeri aumentano (in particolare nel pubblico) e il ritorno dell’investimento si allontana!

Ma esaminiamo la filiera:

in ambito residenziale/domestico – mercato 2015 580 mln di Euro – prevale il fai da te 85% (acquisto nei punti vendita), solo il restante 15% vede l’intervento di studi di progettazione.

in ambito industriale/terziario – mercato 2015 235 mln di Euro – prevale il canale ESCo (la torta della filiera è così composta:  50% ESCo, 35% “self made con progettazione”, 15 %“self made”).

Concentrandoci nell’ambito industriale/terziario notiamo che è un’area di mercato di potenziale grande interesse per le ESCo in quanto :

  • sono il canale favorito in quanto possono prendersi carico l’intervento nella sua globalità. I concorrenti delle ESCo sono gli installatori e i manutentori, che hanno una presenza storica consolidata presso i clienti, ma non possono risolvere gli aspetti finanziari.
  • il tasso di penetrazione, soprattutto nel settore industriale/terziario, è ancora piuttosto basso (circa il 4% nell’industriale, circa il 6% nel terziario/commerciale).

E’ comunque importante che le aziende “giochino in fretta le loro carte”, infatti se da un lato ci si trova oggi davanti a un mercato che ha iniziato nel concreto la sua fase di maturazione, dall’altro  la crescita sarà rapida, si prevede infatti dal 2015 al 2020, sull’industriale/ terziario, una crescita del mercato dell’80%!