Archivi tag: comunicazione

Dalla teoria ai fatti : SILFAB, tra i pionieri dei fotovoltaico….


Alcuni esempi concreti di come le aziende del settore fotovoltaico stanno affrontando il mercato che si sta evolvendo dai grandi impianti verso impianti di piccola/media taglia

 SILFAB , tra i pionieri del fotovoltaico

Il  presidente Franco Traverso è stato uno dei fondatori del fotovoltaico in Italia: non è certo stato colto di sorpresa dal termine della fase speculativa.

Terminata la fase dei “parchi” fotovoltaici è stata impostata una strategia commerciale e di marketing orientata al settore residenziale e della piccola media impresa .

Ad oggi hanno una rete di agenzie  incaricate di presidiare le regioni di loro competenza. Gli agenti promuovono i prodotti/soluzioni sugli installatori. Gli installatori, infatti, hanno le competenze oltre che per installare anche per dare fiducia ai clienti sulla qualità dei prodotti utilizzati e dell’impianto.

Il ruolo degli agenti è procacciare/motivare gli installatori. Gli installatori vendono a fatturano al cliente finale. Agenti e installatori sono quindi due aspetti della stessa medaglia, che di fatto presidiano insieme il mercato.

La vendita si basa sulla qualità del prodotto : la formazione del canale e gli strumenti di supporto al canale sono fondamentali. A breve sarà lanciato uno strumento di marketing, con brand RENexpert, basato su tre assett:

  • formazione,
  • strumenti di vendita,
  • partner program (un’infrastruttura informatica con supporto esteso alla rete : da strumenti finanziari alla possibilità di prenotare e ricevere “stand” per eventi locali).

Interessante il punto di vista sulle fiere, considerati strumenti di fidelizzazione del canale.

In corso in questo periodo, e già orientai verso il successo i “Silfabday” , giornate formative/informative su tutti gli aspetti da conoscere per partecipare al mercato indirizzato dal Titolo Terzo del IV conto energia, dedicato all’integrazione architettonica del fotovoltaico.

Grazie per la collaborazione a a.cortese@silfab.eu

Inventiamoci un “brand”…!


Dal documento FIRE  “Osservazioni fire sulla strategia energetica Nazionale, come  da tutta la letteratura del settore, emerge l’importanza di una sensibilizzazione di massa sui principi di efficienza energetica anche attraverso campagne di comunicazione.

Dalle consultazioni referendarie e dai sondaggi emerge sempre una notevole sensibilità del pubblico sui temi ecologici, ma forse questa sensibilità non è adeguatamente accompagnata da informazioni e conoscenze che orientino il consumatore nelle scelte di acquisto e/o nel vivere quotidiano.

L’importanza di informare i consumatori è chiaramente un tassello fondamentale non solo per stimolare i consumi consapevoli, ma anche perché i consumatori abbiano elementi oggettivi di valutazione nel momento di acquisto di un nuovo elettrodomestico o di ristrutturazione di un immobile.

E’ un fatto però che nonostante la grande attenzione, a parole, sui temi ecologici, quando si tratta di fare un acquisto il tangibile, (prezzo, forma, …) prevale sull’intangibile e  “il colore  prevale sull’efficienza energetica !

Forse aiuterebbe l’esistenza di un brand che  identifichi univocamente  i prodotti e le tecnologie verdi: un unico marchio (ben diverso dall’etichetta energetica, vedi Post Scriptum) che identifichi :

  • soluzioni che consentono una riduzione di energia elettrica o  termica (lampade, elettrodomestici..)
  • tecnologie efficienti per la produzione di energia termica (caldaie, etc..).

Il marchio è un modo per rendere tangibile l’intangibile, e rendere più afficaci le azioni di comunicazione. Un esempio importante, per chi se lo ricorda, è il marchio “Intel Inside” utilizzato negli anni ’90 per pubblicizzare i Personal Computer con processore Intel. Oppure, ancor più calzante, il marchio  Wi-Fi® della “Wi-Fi Alliance Organization”

 

P.S. un “marchio” è naturalmente ben diverso dalle etichette energetiche  infatti il marchio è un elemento simbolico sul quale agganciare un processo emotivo in fase di acquisto, propedeutico al processo razionale informativo e cognitivo in atto nel momento di lettura dell’etichetta.